<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 19, 2017 | Issue #40


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #39

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

“Ogni dollaro è fatto durare il più possibile”

Uno sguardo dentro l’equipe mobile di Narco News in Messico


di Ellen e James Fields
Yucatán Living

15 febbraio 2006

Dall’etere ci è giunta una email: “Qui è Al Giordano. Il Subcomandante Marcos va in Yucatan e noi copriamo l’evento. Potete aiutare?”.

Il tempismo di Al non avrebbe potuto essere peggiore, ma dato che non descriveva l’itinerario zapatista, decidiamo di passar sopra all’inconveniente e di vedere che cosa potevamo fare. Al e sei dei suoi giornalisti venivano a Merida – dove viviano – per coprire il Delegato Zero e l’Altra Campagna. Che cosa potevamo fare per loro?

Sarebbero arrivati il giorno del nostro ritorno dalle vacanze natalizie, con i nostri clienti che ci aspettavano al lavoro, i nostri vestiti sporchi, i nostri cani stanchi e nervosi e la nostra auto che avrebbe avuto senz’altro bisogno di una lavata. Ma come potevamo ignorare questa opportunità? Decidiamo che faremo il possibile sperando che tutto vada per il meglio.

Abbiamo offerto loro la nostra stanza degli ospiti, il nostro ufficio per lavorare e la nostra auto, con noi come autisti, per portarli attraverso lo Yucatan. Abbiamo prestato loro anche video-camera e computer, li abbiamo aiutati a trovare posto in hotel presso alcuni dei nostri clienti ed abbiamo pagato diverse cene e molte colazioni.

Cosicché quest’anno abbiamo donato come mai in passato alla causa dei media alternativi. E siamo solo all’inizio. Perché?

Perché ciò che fanno è importante ora più che mai. In vita nostra mai ci siamo sentiti tanto sconsolati dallo stato del giornalismo e dalla qualità delle notizie che vediamo e leggiamo sulle fonti tradizionali. I governi non sono mai stati mai così arroganti nel loro potere. Le multinazionali non hanno mai calpestato così facilmente tante culture, ecosistemi e le dignità umane fondamentali. E mai prima d’ora il Subcomandante Marcos era uscito dalla selva del Chiapas per portare il messaggio della sua lotta in ogni angolo del Messico.

L’Altra Campagna di Marcos in Messico dei prossimi sei mesi, come Delegato Zero<, è per ascoltare le voci della gente semplice ed umile che “lotta“. La missione degli Altri Giornalisti è amplificare queste voci affinché siano ascoltate in tutto il mondo, affinché gli umili in altre parti del Messico, in America Latina e nel resto del mondo sappiano che non sono soli e che qualcuno li ascolta. Così anche i governi, le corporazioni ed i loro media li sentiranno….. e sentiranno che non possono zittirli.

Ci piace usare il nostro denaro dove fa la differenza, ed avere questi “ragazzi” sulla strada a riportare quanto accade fa la differenza.

Li chiamiamo “ragazzi” perché è venuto fuori che più o meno erano dell’età dei nostri figli più grandi. Sono venuti da New York, da Città del Messico e da Houston. Parlano spagnolo, inglese e perfino nahua. Sono venuti durante le loro vacanze scolastiche o di lavoro. Sono arrivate delle persone che hanno un impressionante talento nello scrivere, pubblicare, registrare ed ascoltare. Sono venuti a scoprire ciò che cosa succede realmente con Marcos e con gli zapatisti, ciò che realmente c’è nelle menti dei maya di Yucatan e quello che possono fare per raccontare queste storie al resto del mondo.

Per tre settimane abbiamo vissuto, mangiato e lavorato con questi veri giornalisti. Abbiamo visto Sarahy -in veste di videocameramen- e Karla -la radio reporter- saltare giù dall’auto ad ogni fermata per intervistare uomini, donne e bambini nella piazza di un villaggio maya o davanti ad una edificio in costruzione a Cancun. Abbiamo visto Teo -uno scrittore- ascoltare e scrivere. Ed ascoltare e scrivere. Abbiamo visto Barrett -il montatore dei video di New York- lavorare a volte tutta la notte fino al giorno dopo per far venir fuori un video intelligente da inserire sulla web di Narco News. Siamo stati con loro per tre settimane mentre usavano le risorse della casa per riportare queste storie.

Ed abbiamo notato delle cose: i nostri amici e clienti nelle cui case ed hotel si sono fermati, ci hanno detto che era un piacere averli lì. Rifacevano il letto prima di uscire ogni mattina. Lavavano i piatti in cucina. Portavano fuori la spazzatura, giocavano col cane, preparavano il caffè, piegavano i vestiti… facevano tutto quello che potevano per essere dei bravi ospiti e dei buoni esseri umani.

Quando bisognava alzarsi alle 6 al mattino, erano lì, anche se erano andati a dormire solo alle 4. Hanno sopportato lunghi viaggi in auto col caldo, attese interminabili, gli spintoni di altri reporter “più qualificati”, letti duri e caffè freddo, senza lamentarsi. Non hanno perso mai di vista la ragione per cui erano lì e l’opportunità che avevano di fare quello per cui erano preparati.

Quando c’è stata la riunione di Chetumal con i contadini, Marcos ha domandato se qualcuno della stampa era dei media alternativi ed ha chiesto ad una dei giornalisti autentici di Al, Quetzal Belmont, di parlare della sua professione. Ad un pubblico attento, Quetzal ha spiegato come attraverso la carta stampata, la radio e specialmente Internet, la loro lotta sarebbe stata riportata, dal basso, a gente dalla mente aperta in tutto il mondo, a gente che è stanca del governo e degli articoli della stampa di regime che hanno solo la parvenza di giornalismo.

Se tu che leggi questa lettera avessi avuto l’opportunità, che abbiamo avuto noi, di vedere questi ragazzi in azione, sapresti che non avresti avuto problemi a tirare fuori la tua carta di credito perché possano continuare a coprire l’Altra Campagna. Capiresti che ogni dollaro viene fatto durare il più possibile.

Il Delegato Zero sembra stia facendo tutto il possibile per migliorare le condizioni di coloro che non hanno voce nel sistema politico. I veri giornalisti stanno mettendo il loro talento e la loro energia on-line per fare anche loro la differenza. Puoi aiutarli facendo il vero sostenitore.

Per favore fai la tua donazione, di qualsiasi entità, oggi, on-line nel sito web del Fondo per il Giornalismo Autentico:

http://www.authenticjournalism.org/

O invia un assegno al Fondo per il Giornalismo Autentico a:

The Fund for Authentic Journalism
P.O. Box 241
Natick, MA 01760 USA

Sinceramente
Ellen e James Fields
Gennaio 2006 – Merida, Yucatan, Messico – www.yucatanliving.com

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America