<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 23, 2017 | Issue #40


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #39

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

“La repressione non fermerà L'Altra Campagna”

Gli aderenti denunciano l'escalation di intimidazioni e persecuzioni politiche a livello nazionale


di Bertha Rodríguez Santos
L'Altro Giornalismo con l'Altra Campagna in Chiapas

25 febbraio 2006

San Cristóbal de Las Casas, Chis - L’arresto di Dámaso Villanueva, uno dei promotori dell’Altra Campagna in questo stato, è stato considerato da rappresentanti di organizzazioni sociali e dei diritti umani come parte della strategia di intimidazione e repressione politica scatenata in tutto il paese contro quelli che appoggiano l’iniziativa zapatista.


Il modulo di informazione dove lavora Dámasco Villanueva.
L’arresto di Dámaso Villanueva ed il mandato di cattura emanato recentemente contro Mario Alvarez, della Centrale Unitaria dei Lavoratori (CUT) -ambedue dello stato del Chiapas- non sono fatti isolati, ma fanno parte della campagna di intimidazione e di persecuzione che cerca inibire la partecipazione cittadina all’Altra Campagna -hanno denunciato gli attivisti di una mezza dozzina di organizzazioni sociali e di diritti umani.

In una conferenza stampa realizzata nelle installazioni del Centro di Integrazione e Sviluppo Indigeno (Cidesi), un ragazzo che si è presentato come Claudio e che accompagnava Villanueva quando è stato arrestato, ha raccontato che circa alle 10 e 30 della mattina di venerdì 24 febbraio, tre uomini vestiti con l’uniforme dei poliziotti municipali si sono avvicinati e gli hanno detto che avevano un mandato di cattura contro di lui.

Senza permettergli di leggere il documento, i poliziotti l’hanno ammanettato, malgrado non opponesse resistenza, e l’hanno spinto dentro al loro veicolo.

Dal 1995, nella piazza della cattedrale di San Cristobal si trova un banchetto di informazione sul movimento zapatista. Da vari anni, Dámaso Villanueva ha partecipato attivamente a quel lavoro di diffusione.

Dopo il suo arresto questa mattina, vari dei suoi compagni dell’Altra Campagna si sono rivolti al Palazzo di Giustizia per indagare su dove era stato portato. Nell’ufficio del II Tribunale del Ramo Penale per i Reati non Gravi, i funzionari hanno negato l’accesso alla documentazione, dicendo che l’avrebbero potuta ritrovare nel Centro di Reinserimento Sociale (Cereso).

Dopo una frustrante lotta alla ricerca di informazioni e davanti al rifiuto delle autorità a tutti i livelli di proporzionare dati sul caso, si è scoperto che esisteva una Denuncia Previa del 16 ottobre 2004 ed un mandato di cattura spiccato il 19 ottobre 2005, quello eseguito il 24 febbraio 2006.

La denuncia era stata presentata dall’impresa di telecomunicazioni Pegaso per presunti danni alla proprietà altrui. Nella denuncia si accusa Villanueva di aver abbattuto un’antenna di telefonia cellulare. L’importo per questo presunto danno sarebbe di circa 2 milioni e 300 mila pesos.

I membri di varie organizzazioni come il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de Las Casas, il Comitato Per la Difesa Popolare ed il Centro dei Diritti della Donna, tra le altre, hanno denunciato che lo stato messicano sta utilizzando l’apparato di giustizia per perseguitare gli attivisti sociali come parte della strategia di repressione ed intimidazione contro coloro che partecipano all’Altra Campagna.

Così come lo stato ha preso le distanze dalle attività dei gruppi paramilitari, ma in effetti li ha utilizzati come parte della Guerra di Bassa Intensità, ora utilizza imprese private ed il potere giudiziario per criminalizzare ed imprigionare attivisti di collettivi, familiari e membri che portano avanti l’Altra Campagna.

Oltre all’arresto di Dámaso Villanueva, considerano che altri fatti come il tentativo di assassinio del lottatore sociale Gustavo Jiménez Pérez, come la cancellazione del conto bancario dell’ong Enlace Civil da parte di Bancomer e di HSBC facciano parte della campagna di persecuzione e repressione politica contro il movimento zapatista.

Riferendosi all’arresto di Dámaso Villanueva, Erasto Molina Urbina, promotore dell’Altra Campagna, ha detto che tutti si sentono “indignati ed offesi ma non abbiamo paura”. Lungi dal frenare il movimento che appoggia l’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, le organizzazioni sociali si uniranno “al movimento nazionale per la liberazione dei prigionieri politici e per la fine della repressione in tutto il paese”.

L’indignazione e le proteste per l’arresto di Dámaso Villanueva ha già provocato una manifestazione di un centinaio di persone nella piazza di San Cristóbal. A sera la protesta si è spostata nel Palazzo Municipale dove si vuole installare un presidio permanente fino alla liberazione di Villanueva che non è solo un promotore dell’Altra Campagna, ma è pure rappresentante della sua comunità nell’Organizzazione dei Quartieri Sud e, durante la visita del Delegato Zero, era uno degli incaricati in uno dei cinturoni di sicurezza.

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America