<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 19, 2017 | Issue #41


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #40

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Hanno sparato a Javier Cortés a meno di 70 centimetri di distanza

La Procura Statale conferma che si è trattato di omocidio doloso


di Israel Davila
La Jornada

18 maggio 2006

Toluca, Mex. 17 maggio. L’omicidio del minorenne Javier Cortés Santiago, avvenuto durante gli scontri tra abitanti di Atenco e poliziotti statali e federali lo scorso 3 maggio, non è stato accidentale, ma doloso, ha dichiarato oggi il Procuratore di Giustizia dello stato, Abel Villicaña Estrada, poiché l’arma che lo ha ucciso ha sparato a meno di 70 centimetri di distanza dal suo corpo.

Il procuratore ha comunicato che si stanno raccogliendo le dichiarazioni dei testimoni dell’assassinio per sapere, su basi certe, chi ha sparato con l’arma calibro 38 che ha ucciso il giovane, “perché non sappiamo ancora se lo sparo è arrivato dalla gente o dalla polizia”.

Il procuratore ha rivelato che le prove dimostrano che Cortés Santiago è stato vittima di “un omicidio doloso e diretto, perché non si è trattato di una pallottola vagante. Il colpo è partito a meno di 70 centimetri di distanza tra l’individuo attivo ed il passivo, ed il minorenne si è difeso perché ha alzato il braccio ed il proiettile gli ha attraversato il braccio ed ha raggiunto il torace”.

Nel video diffuso dal Centro de Diritti Umani Miguel Agustín Pro lo scorso 10 maggio, nel quale i poliziotti mexiquenses ammettono che la pallottola che ha tolto la vita al minorenne è stata sparata da agenti statali, il procuratore ha segnalato che il materiale è stato già richiesto dal Pubblico Ministero.

Il procuratore dello stato del Messico ha assicurato che il video “non ha valenza legale” e “non è di utilità per le indagini sulla morte del minorenne”, ed ha aggiunto che le autorità mexiquenses ritengono che si tratti di “un montaggio”, perché non è possibile accertare l’identità dei poliziotti che parlano e le voci sono state distorte.

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America