<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 18, 2017 | Issue #41


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #40

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Presentano nell’Istmo il video dell’Altro Giornalismo

Giovani iniziano il festival del cinema indigeno con la presentazione di “I Mulini del Capitalismo”


di Bertha Rodríguez Santos
L’Altro Giornalismo con L’Altra Campagna dall’Istmo di Tehuantepec

29 maggio 2006

San Juan Guichicovi, Oaxaca, Messico - Per la prima volta da quando il Subcomandante Insurgente Marcos, dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN), ha visitato la regione dell’Istmo di Tehuantepec all’inizio di febbraio, circa 70 persone, in maggioranza giovani indigeni di questo capoluogo municipale, hanno dato inizio al Primo Festival del Cinema e del Video Indigeno, con la presentazione di tre videi, uno dei quali riflette la lotta dell’Altra Campagna Zapatista.

Alfredo Landa, responsabile della stazione radio indigena comunitaria Radio Ayuuk, in coordinamento con 16 membri della radio, hanno organizzato la proiezione dei videi “I Mulini del Capitalismo” (prodotto da Narco News), “Granello di sabbia” (una produzione di Corrugated Films) e “Radio Chanul Pom” (prodotto dall’organizzazione civile Las Abejas e dalla Rete dei Comunicatori Boca de Polen).


Immagine dal video “I mulini del capitalismo”
Proiettato sul muro della presidenza municipale di San Juan Guichicovi, i presenti – tra i quali c’erano donne ed uomini, giovani, anziani ed alcuni bambini – hanno potuto vedere nel video-notiziario “I Mulini del Capitalismo” i villaggi vicini di La Venta e La Ventosa, così come le comunità sul mare di San Francisco e San Mateo del Mar dove grandi corporazioni transnazionali generano energia elettrica, con la complicità del governo messicano, e stanno installando attualmente un enorme corridoio eolico.

Con uno stile ironico che rompe con la “serietà” della maggioranza dei reportage informativi, in questo video gli abitanti di Xalapa de Marqués parlano delle sofferenze che hanno dovuto affrontare alla fine degli anni ‘50, quando furono sfollati dalle loro terre per far posto alla costruzione della diga Benito Juárez, nel posto dove ora il governo vuole installare un impianto idroelettrico. Molte persone sono morte schiacciate con un torsolo di mais in mano mentre cercavano di soddisfare le loro necessità biologiche di notte attraversando la strada, racconta nell’intervista inclusa nel video, César Martínez, del collettivo Cortamortaja.

Nel video di 15 minuti, gli spettatori si sono pure riconosciuti nelle immagini dei popoli mixes che hanno accolto l’8 febbraio scorso il Delegato Zero, durante la sua visita alla comunità di Boca del Monte, appartenente a questo municipio e dove il sup Marcos ha rivolto un messaggio sentito alla donna indigena dell’Istmo.

“Granello di sabbia” (di 62 minuti), diretto dalla cineasta Jill Freidberg, riflette la storica lotta dei maestri di fronte alle misure prese dai diversi presidenti messicani a partire da Carlos Salinas de Gortari, per privatizzare l’educazione pubblica.

Il tema è di grande rilevanza tra la popolazione locale perché dal 22 maggio i maestri oaxaqueños portano avanti nella capitale dello stato un presidio a tempo indefinito, in difesa dell’educazione pubblica e gratuita e per il “rafforzamento dei programmi di appoggio alle necessità socioeconomiche degli alunni”, come: la dotazione di uniformi scolastiche gratuite agli alunni della primaria, sovvenzioni per i figli degli insegnati ed un maggior numero di pacchetti di materiale scolastico per tutti gli alunni delle elementari.

Chiedono anche di aumentare a 200, le cucine comunitarie addizionali per il “Programma Aula Aperta”, di iniziare il programma di dotazione di scarpe per gli alunni che vivono nei municipi a maggior emarginazione, attenzione medica ed odontoiatrica per tutti gli alunni dell’educazione di base che non contano con nessun servizio di salute pubblica, incremento del materiale didattico, di mobili, di materiale per la pulizia e per lo sport per tutte le scuole visto che attualmente, in molte scuole sono i genitori quelli che coprono queste necessità con le loro risorse.

Attraverso il video “Radio Chanul Pom”, i giovani mixes hanno conosciuto l’esperienza degli indigeni Tzotziles e Tzeltales del municipio di Chenhaló, nella regione Los Altos del Chiapas che hanno una stazione radio che (come Radio Ayuuk) trasmette in lingua indigena ed in spagnolo.

L’importanza della diffusione di questo tipo di video, ha affermato Alfredo Landa, è che rappresenta uno sforzo per contrastare il quotidiano bombardamento propagandistico dei grandi mezzi di comunicazione commerciali che generalmente manipolano ed occultano la realtà che hanno di fronte i popoli indigeni e contadini con la violenta imposizione di modalità economiche e sociali altrui alle comunità (e che porta con sé la globalizzazione economica, che attenta all’esistenza stessa dei popoli).

Questo ciclo di video andrà avanti, spostandosi in 5 dei 12 municipi che appartengono all’Unione delle Comunità Indigene della Zona Nord dell’Istmo (UCIZONI), organizzazione che sostiene il progetto di Radio Ayuuk e che cerca di rafforzare la comunicazione popolare tra i 180 villaggi indigeni che la compongono. Questo lavoro di diffusione è complementare al lavoro culturale che realizza la Rete di Radio Indigene Comunitarie dell’Istmo, composta oltre che da Radio Ayuuk, anche da: Radio Ikoots, Radio Ticambaj, Radio Umalaláng e Radio Huave (queste ultime in San Francisco e San Dionisio del Mar).

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America