<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 22, 2017 | Issue #41


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #40

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Lo studente Alexis Benhumea è deceduto in un ospedale della città dopo più di un mese dalla repressione in Atenco

Arriva al funerale una moltitudine per salutare il giovane a cui avevano sparato un proiettile di gas


di Juan Trujillo
L’Altro giornalismo con l’Altra Campagna in Città del Messico

8 giugno 2006

Città del Messico, Messico, 7 giugno 2006 - Oggi il cuore di un giovane ha smesso di battere, di suonare, di parlare, di sognare. Oggi il tempo si ferma un attimo per l’Altra campagna zapatista che per la seconda volta è in lutto: per la morte della comandante Ramona in gennaio ed ora pure Alexis Benhumea se ne va. Oggi non solo la storia cambia radicalmente per la famiglia Benhumea e per il movimento sociale, ma anche per l’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), per il paese di San Salvador Atenco e per questo paese che si chiama il Messico.


Foto: D.R. 2006 Ernesto Muñiz
Oggi alle 2 e 10 dell’alba, nell’ospedale Adolfo López Mateos, lo studente di 20 anni della Facoltà di Economia dell’UNAM, aderente alla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona e militante dell’Altra Campagna, ha perso la sua battaglia contro la morte.

Questo avvenimento che Angél, padre di Alexis, definisce “assassinio di Stato”, si inserisce in uno scenario politico messicano dove la Commissione Sesta dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN), il subcomandante Marcos, ha ottenuto una spettacolare partecipazione la notte di lunedì, con il “tutto pieno” in un forum intellettuale di discussione e lettura di poemi sul drammaturgo Bertol Brecht, a pochi isolati di distanza da dove oggi si veglia il corpo di Alexis – e dall’altra parte, il “dibattito” televisivo dei cinque candidati alla presidenza della Repubblica della notte di ieri: questo ultimo invece strapieno di monologhi.

Alexis aveva ricevuto l’impatto mortale di un proiettile di lacrimogeno -documentato da Narco News-, nel parietale sinistro, durante la mattina del 4 maggio in San Salvador Atenco nel momento in cui le forze di polizia federali, statali e municipali hanno sferrato la loro seconda incursione repressiva nella via Fresno, la principale del villaggio.

Dalle 16 e col trascorrere di questo fresco pomeriggio, nell’impresa di pompe funebri Los Ángeles del quartiere Roma di questa capitale, i parenti, gli amici, i compagni di lotta, membri di ONG dei diritti umani e mezzi di comunicazione commerciali ed alternativi si sono dati appuntamento per vegliare il corpo di Alexis.

La storia della resistenza di questo studente è narrata, con lunghe pause, da Angelo, mentre è abbordato, ad intermittenza, da decine di persone solidali. Con l’aspetto fermo come quello di un forte rovere, come nelle passate interviste, lo sguardo penetrante ed il sorriso umile, il padre racconta che le condizioni di salute di suo figlio, dalla morte cerebrale – diagnosticata e confermata la scorsa domenica 28 maggio -, erano irreversibili: “gli organi non rispondevano più ed il cuore ha smesso di battere”.

Dopo poco più di un mese di costante angoscia per la famiglia Benhumea, il tempo si sembra essere convertito in anni. Alcuni giorni fa, racconta Angelo, l’ospedale Zaragoza dell’Istituto di Sicurezza e Servizi Sociali dei Lavoratori dello Stato, ISSSTE, aveva fatto pressioni sulla famiglia affinché trasferissero Alexis in “terapia intensiva”, ma i Benhumea avevano insistito per tenerlo in “terapia intermedia” e poi lo avevano trasferito all’ospedale López Mateos.

Denuncia penale ed il movimento antifascista

Mentre arrivano decine di corone che sono poste vicino a quelle dell’Altra campagna ed a quella dell’EZLN, Ángel mi commenta che la strategia per la denuncia penale contro questo crimine si basa sulla segnalazione dei colpevoli della morte di Alexis: “Lo Stato messicano ed i suoi rappresentanti: il presidente, Vicente Fox, ed il governatore dello stato del Messico (Enrique Peña Nieto), visto che i poliziotti sono stati lo strumento”, per eseguire l’operativo militare.



Foto: D.R. 2006 Ernesto Muñiz
Alla domanda di se ha fiducia nei processi legali, Ángel reitera la sua convinzione di lotta e si aspetta giustizia e solidarietà dal paese. “Bisogna continuare”, dice il padre che, come suo figlio, è aderente della Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona e dell’Altra Campagna. “Bisogna abbattere questo vecchio presidenzialismo che si sta liquefacendo, non è eterno. Spero che la giustizia in questo paese cambi ed i repressi sono un buon inizio per lottare per questa giustizia”.

Per Ángel, nonostante la morte del figlio e di fronte alle rivendicazioni di questo nuovo movimento per la giustizia, la lotta segue e prosegue, e sostiene fermamente che “dobbiamo lottare, non possiamo essere complici. Abbiamo bisogno di un nuovo modo di far politica, di evitare l’intolleranza di queste armi che vogliono imporre un regime fascista. Non dobbiamo permetterlo!”.

19 e 30 – Mentre circa 150 persone si concentravano fuori della camera ardente e faceva il suo arrivo solidale Jorge Salinas, attivista telefonista brutalmente picchiato dalla polizia in Atenco, Ángel con forza ribadisce che la cosa importante in questa lotta è “un nuovo modo di far politica, – perché è necessario – questo movimento antifascista con molte forze, che si sta per costruire” ed aggiunge: “Sono sorpreso per l’arrivo di tanta gente, alla veglia funebre, la gente è molto indignata, i giovani si specchiano in mio figlio”.

La passerella del dolore, gli sguardi commossi e le lacrime continuano e continueranno fino a tarda notte. Arrivano donne, uomini, bambini, anziani: familiari, abitanti di Toluca e dello stato del Messico, professori e studenti della Facoltà di Economia che hanno detto che “Chi non ama la vita, non muore per la vita”, mentre alcuni compagni del Movimento Internazionalista a cui partecipava Alexis hanno detto: “Alexis non è morto, è nei nostri cuori e la Sua morte sarà vendicata”.

Le voci della madre e della terra

La persona visibilmente più provata per la morte di Alexis è la sua tenera madre. Lo sguardo e l’espressione di questa delicata donna mentre la intervisto parlano da sole: dolore, nostalgia, ingiustizia. Il messaggio di Chela, è chiaro per i giovani: “Che si riguardino molto, questi giovani che stanno lottando, che si guardino da questo governo”, e subito dopo aggiunge che “il mio Ollin (Alexis) è molto contento dell’appoggio che si sente qui”.

Per molti, il Delegato Zero sarebbe dovuto arrivare a questa veglia funebre, nonostante secondo informazioni ufficiose alle 21, il sucomandante Marcos avrebbe inviato un messaggio dicendo che si trovava “in dolore di voce” pertanto osservando il silenzio, secondo la tradizione indigena di silenzio quando c’è la sfortunata perdita di un essere amato o, in questo caso, di compagno di lotta. Fino alle 21 e 45 non c’erano notizie della sua visita.

Alle 21 e 45 in punto, il Fronte dei Popoli in Difesa della Terra (FPDT) di San Salvador Atenco ha fatto il suo arrivo alla veglia funebre. Tra slogan pieni di slancio, gli ejidatari con il machete in mano e con la voce della loro rappresentante Ortencia hanno detto: “Il paese di Atenco ha una ferita che si è ingrandita con la morte di Alexis. Alexis non è morto, il governo l’ha ammazzato” e dopo aver consegnato alla famiglia Benhumea un machete come regalo simbolico, hanno rivolto l’invito che il corpo di Alexis riposi nel cimitero di Atenco. Il funerale era stato programmato per domani giovedì alle 13 nel cimitero del quartiere San Jerónimo, ma mentre la gente continuava ad arrivare, la famiglia stava ancora pensando alla proposta del FPDT.

Oggi il tempo e la parola si sono fermate un momento. Ma la forte convinzione delle voci e delle grida di solidarietà rompono il silenzio assordante per esigere giustizia e libertà. Questa perdita di un aderente della Sesta Dichiarazione e dell’Altra Campagna può significare la fine di una vita, ma anche il principio di qualcosa di più che forse sta per venire.

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America