<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands August 30, 2014 | Issue #43


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #42

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Resistenza tijuanense

Los de Abajo


di Gloria Muñoz Ramírez
La Jornada

23 settembre 2006

Tijuana rappresenta il faticoso passaggio di emigranti, lo sfruttamento dei lavoratori nelle più di 800 maquiladoras, il traffico di donne e di minorenni destinati al commercio sessuale, l’impunità con la quale si muovono i narcotrafficanti, la spoliazione di terre tolte ai popoli indios ed un eccetera ripieno delle offese contro una popolazione in costante movimento. Ma Tijuana è anche lotta e resistenza.

Le feste patrie sono state il quadro per parlare qui di spoliazione e di sfruttamento, soprattutto di organizzazione di questo e dell’altro lato della frontiera. Le invasioni delle terre dei popoli kumiai, kiliwa, pai pai, cucapas, mayos e seris, del nordest del Messico; la resistenza contro l’installazione di rigassificatori sulle coste del Bassa California; la lotta contro l’immondezzaio tossico in Sitobac, Sonora; il rifiuto organizzato degli yaquis al progetto di porti turistici; l’emarginazione estrema nella quale sono sopravvissuti i popoli triquis e mixtecos(provenienti di Oaxaca) in questa zona, e l’infaticabile difesa seri della bramata isola Tiburón, sono stati alcuni dei temi toccati all’inizio del primo Incontro Oltrefrontiera dell’altra campagna.

All’incrocio fra la strada Segunda e Costituzione, al centro della città, a lato della zona rossa nota come La Coahuila, è arrivata la voce di più dei 30 uomini e donne di San Salvador Atenco che hanno già accumulano più di tre mesi in ingiusta prigione. Uomini e donne provenienti da Mexicali, Ensenada, Tijuana, Sonora, San Diego, Los Angeles, Oxnard, Oakland e San Francisco hanno richiesto la loro libertà e la condanna dei colpevoli delle violazioni e degli altri abusi commessi contro la popolazione durante l’operativo di polizia del 3 e del 4 maggio.

La testimonianza di Josefina, rappresentante del Fronte dei Popoli in Difesa della Terra, ha ricordato che la resistenza in Atenco è stata punita dal governo con prigionieri politici, ricercati, donne violentate ed un paese che ancora oggi soffre per le minacce e le persecuzioni e le ronde quotidiane della polizia.

Un forum di “donne dal volto ribelle”, con voci ed espressioni distinte, si è svolto vicino ad uno delle centinaia di palchetti per la danza che invadono la città. Nella Cantina di Rita si è parlato del lavoro nelle maquiladoras, delle donne maltrattate, si sono recitate poesie, si sono ballate danze precolombiane ed arabe, ci sono state mostre d’arti plastiche e c’è stata un’eclettica messa in scena di una opera. Al primo piano una donna seminuda compiaceva un pugno di uomini. Fuori migliaia di giovani che avevano bevuto un bicchiere di troppo, riempivano le strade vestiti con i colori della bandiera e montati su auto che – lo giuro – ballano letteralmente sulle ruote. Questa è Tijuana.

Voci della resistenza indigena si sono ascoltate oggi in un antico cinema conosciuto come il Multikulti. Qui, una kumiai, autorità tradizionale di Peña Blanca, ha parlato delle invasioni costanti al loro territorio e della lotta inarrestabile per la sua difesa. “C’invadono, ma noi non abbandoniamo ”, ha detto.

[losylasdeabajo@yahoo.com.mx]

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America