<i>"The Name of Our Country is América" - Simon Bolivar</i> The Narco News Bulletin<br><small>Reporting on the War on Drugs and Democracy from Latin America
 English | Español | Português | Italiano | Français | Deutsch | Nederlands November 21, 2017 | Issue #44


Making Cable News
Obsolete Since 2010


Set Color: blackwhiteabout colors

Print This Page
Commenti

Search

Narco News Issue #43

Narco News is supported by The Fund for Authentic Journalism


Follow Narco_News on Twitter

Sign up for free email alerts list: English

Lista de alertas gratis:
Español


Contact:

Publisher:
Al Giordano


Opening Statement, April 18, 2000
¡Bienvenidos en Español!
Bem Vindos em Português!

Editorial Policy and Disclosures

Narco News is supported by:
The Fund for Authentic Journalism

Site Design: Dan Feder

All contents, unless otherwise noted, © 2000-2011 Al Giordano

The trademarks "Narco News," "The Narco News Bulletin," "School of Authentic Journalism," "Narco News TV" and NNTV © 2000-2011 Al Giordano

XML RSS 1.0

Gli zapatisti denunciano il narcotraffico ed i veicoli illegali

Il governo ed i partiti politici commettono reati per avere il pretesto di entrare nelle comunità indigene del Chiapas a minacciarle


di La Giunta di Buon Governo
Corazón Céntrico de los Zapatistas delante del Mundo

10 febbraio 2007

GIUNTA DI BUON GOVERNO
CORAZÓN CÉNTRICO DE LOS ZAPATISTAS DELANTE DEL MUNDO
SNAIL IZOBOMBAIL YU UN LEKIL J’AMTELETIK
TA O’IOL YO’ON ZAPATISTA TA STJK’IL SAT YELOB SJUNUL BALUMIL

8 FEBBRAIO 2007

ALL’OPINIONE PUBBLICA
ALLA STAMPA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE
ALLA SOCIETÀ CIVILE NAZIONALE D INTERNAZIONALE
ALLE ORGANIZZAZIONI DEI DIRITTI UMANI

FRATELLI E SORELLE

Vi inoltrano questa DENUNCIA: la JBG. ed i Consigli Autonomi dei 7 Municipi, San Andrés Sakamch’en de los Pobres, San Juan de la Libertad, Magdalena de la Paz, San Pedro Polhó, Santa Catarina, San Juan Apóstol Cancuc e 16 de Febrero appartenenti a questa zona Altos de Chiapas.

Per mezzo di questa DENUNICIA rendiamo di pubblica conoscenza il problema dell’esistenza di veicoli illegali e di semina, traffico e consumo di droghe nei diversi Municipi degli Altos del Chiapas, di cui sicuramente le autorità ufficiali municipali statale e federale sono a conoscenza, per questo diciamo quanto segue:

Primo – L’EZLN da anni ha dato istruzioni a tutte le comunità, Municipi e territori Zapatisti, riguardo la proibizione totale di acquisto, uso e circolazione dei veicoli illegali (chocolates) ed anche della semina, traffico e consumo di droghe. Per questo nelle comunità e nei municipi Zapatisti sono stati posti cartelli nei capoluoghi principali, nelle comunità, nelle strade secondarie e sulle strade principali.

Secondo – Quando sono stati costituiti i Municipi Autonomi si è continuato a dare le stesse istruzioni nelle comunità e nei municipi Zapatisti: queste istruzioni molte volte non sono state rispettate ed i cartelli sono stati distrutti da persone dedite all’acquisto ed alla vendita di veicoli illegali, da coltivatori, trafficanti/consumatori di droghe e gruppi paramilitari, alleati dei diversi partiti politici.

Terzo – Nell’anno 2003, quando sono stati costituiti i Caracoles e le Giunte di Buon Governo, sono state rinnovate le stesse istruzioni in tutte le zone Zapatiste, cioè, la proibizione totale delle attività illecite menzionate confermando che saranno punite severamente quelle persone che non rispettano tali istruzioni delle autorità delle Giunte di Buon Governo e dei Consigli Autonomi.

Quarto – Tuttavia nella nostra zona de Los Altos del Chiapas, c’è chi non rispetta queste istruzioni perché si continuano a commettere questi reati ed in molti dei municipi è in aumento il numero di veicoli illegali e la semina ed il traffico di droghe. 
Le persone che stanno commettendo questi illeciti appartengono a diversi partiti politici od organizzazioni filogovernative in complicità o sotto la protezione delle autorità ufficiali, locali, municipali o Statali.

Quinto – Tutte le comunità ed i Municipi Autonomi Zapatisti hanno istruzioni di non mettersi in questi illeciti e si continuano a dare raccomandazioni ed indicazioni attraverso le Autorità Autonome e le radio comunitarie, perché l’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale considera un reato l’acquisto, la vendita e la circolazione di veicoli illegali nei nostri villaggi.

Sesto – Rispetto alla semina, al traffico ed al consumo di droga, è ugualmente proibito totalmente nei territori zapatisti, ma ci sono persone appartenente a diversi partiti che se ne fregano delle istruzioni zapatiste e seminano, trafficano e consumano droghe in complicità pure con le autorità ufficiali locali e municipali perché queste non fanno né dicono niente per controllare la loro gente.

Settimo – Quando arrivano l’esercito federale, la pubblica sicurezza dello stato, i poliziotti della giudiziaria, la P.G.R, l’A.F.I e l’A.E.I dicono che è per distruggere le colture di marijuana, ma non è vero, perché quando entrano nelle comunità dove sanno che ci sono campi di marijuana ne distruggono solo la parte pronta per il raccolto e lasciano invece i germogli perché avere così il pretesto per poter tornare dopo pochi mesi nelle nostre comunità. E neppure indagano per sapere chi sono i padroni dei terreni e delle colture. 
Quindi gli operativi dell’esercito e degli altri corpi di polizia sono solo una strategia per giustificare il loro ingresso nelle comunità indigene e non avvengono per distruggere totalmente le colture di marijuana, né per investigare, arrestare e punire quelli che si dedicano a quella attività illecita.

Ottavo – Di fronte a questi problemi delle auto illegali e della coltivazione di droghe, come autorità della Giunta di Buon Governo e dei Consigli Autonomi di questa zona non possiamo restare in silenzio, perché sappiamo che queste attività illecite portano conseguenze molto gravi nei nostri villaggi e non vogliamo che le nostre comunità ed i Municipi Autonomi diventino luoghi dove si rifugiano persone che si dedicano ad attività illecite. 
Noi, come autorità dei Municipi Autonomi e Giunte di Buon Governo, continueremo a denunciare ed a lottare contro queste ingiustizie e queste violazione dei diritti umani. 
Anche se, così facendo, sappiamo che riceveremo minacce e persecuzioni insieme alle nostre comunità, da parte di coloro che si dedicano a queste attività illecite, non importa, perché è nostro dovere ed obbligo come autorità dire la verità su quanto succede nei nostri villaggi.

Nono – Per ultimo, rivolgiamo un appello a tutte le persone delle diverse comunità e dei municipi che si dedicano all’acquisto, alla vendita ed usano veicoli illegali ed anche alla semina, al traffico ed al consumo di droghe, che facciano uso della propria coscienza ed analizzino le gravi conseguenze che le loro azioni possono causare sia a loro sia ai nostri popoli.

PER IL MOMENTO QUESTA È LA NOSTRA DENUNCIA

D I S T I N T A M E N T E
LA GIUNTA DI BUON GOVERNO CORAZÓN CENTRICO DE LOS ZAPATISTAS DELANTE DEL MUNDOED I CONSIGLI AUTONOMI DELLA ZONA ALTOS DEL CHIAPASALFREDO DE LA TORREZ, CARLOS PEREZ DIAZJAVIER PEREZ SANTIZ, ROSALINDA GOMEZ LOPEZ 
CORNELIO LOPEZ RUIZ, JUVENCIA PEREZ SANTIZ
FIRMANO I CONSIGLI AUTONOMIAGUSTIN PEREZ PARCERO - CONSIGLIO DI SAN PEDRO POLHO LUCAS PEREZ GOMEZCONSIGLIO DI CANCUCMARIA DE JESUS HERNANDEZCONSIGLIO DI SAN JUAN DE LA LIBERTADANTONIO GOMEZ HERNANDEZCONSIGLIO DI SAN ANDRESMARTIN PEREZ HERNANDEZCONSIGLIO DI MAGDALENA DE LA PAZMARCOS RUIZ JIMENEZMUNICIPIO SANTA CATARINARUBEN GONZALEZ RUIZMUNICIPIO 16 DE FEBRERO

(tradotto dal Comitato Chiapas “Maribel” – Bergamo)

Share |

Fai clik qui per altro ancora dell’Altro Giornalismo con l’Altra Campagna

Read this article in English
Lea Ud. el Artículo en Español
Lesen Sie diesen Artikel auf Deutsch
Lisez cet article en français

Discussion of this article from The Narcosphere


Enter the NarcoSphere for comments on this article

For more Narco News, click here.

The Narco News Bulletin: Reporting on the Drug War and Democracy from Latin America